GIORNO 4 – UNA VITA DA CINEFILO (SPECIALE ROME FILM FEST)

Quarta giornata, con l’atteso arrivo al Festival di Terry Gilliam e del suo visionario Dottor Parnassus. Spazio anche alla autorevole presenza di Helen Mirren, premio Oscar per “The Queen”, oggi all’auditorium per presentare “The Last Station”, di cui abbiamo parlato ieri. Per quanto ci riguarda la perla del giorno riguarda lo splendido ritorno del regista di “Train de Vie”, Radu Mihaileanu, che ha incantato critici e pubblico (si parla di dieci minuti di applausi) con l’emozionante “Le Concert”. Altri due film in serata, entrambi in concorso, che portano il sottoscritto a quota 14 (sfido chiunque ad aver visto più film).

PARNASSUS [Proiezione speciale]: L’ultimo film con Heath Ledger, quindi un film già celebre prima ancora della sua uscita. Si è parlato molto di questo nuovo lavoro di Gilliam, ultimato grazie agli amici dell’attore scomparso: Johnny Depp, Jude Law, Colin Farrell. Penso sia un film bellissimo, probabilmente il miglior Gilliam degli ultimi anni, visionario, divertente, ricco di sfumature e di immagini coloratissime e suggestive. La storia del curioso dottor Parnassus, che è riuscito ad ottenere la vita eterna grazie ad un patto con il diavolo, ma in cambio dovrà lasciare sua figlia nelle mani di Tom Waits (il diavolo, appunto!). Ledger la spunta di fronte ai suoi pur bravi colleghi, e sento davvero di poter dire che ormai era diventato un attore completo, che mancherà davvero molto al cinema di oggi e di domani. E non è una frase di circostanza.

LE CONCERT [Fuori Concorso]: Il film più bello di questo Festival, sinora. Un geniale direttore d’orchestra allontanato in passato dal Bolshoj di Mosca per essersi opposto al licenziamento dei suoi musicisti ebrei, cerca la sua rivincita richiamando la sua vecchia orchestra in un concerto attesissimo a Parigi, spacciandola per il vero Bolshoj. Si ride e ci si emoziona, certo, la musica di Tchaikovsky fa il suo bell’effetto nell’ultima parte del film, ma ogni strumento funziona benissimo, trovando nella sempre più bella Melanie Laurent (la Shoshanna dell’ultimo Tarantino) una splendida solista. Il primo film di questo Festival che mi ha messo i brividi, e io ho il vizio di dare sempre ascolto ai miei brividi. Applausi.

PLAN B [Concorso]: Film argentino, il peggiore tra tutti i film in concorso presentati in quattro edizioni di Festival. Non tanto per il soggetto (un ragazzo tenta di far innamorare di sé il nuovo compagno della sua ex), ma per la messa in scena: regia amatoriale, composizione dell’immagine spoglia, fotografia pessima, interpretazioni di basso livello. Come c’è finito un film del genere in un Festival internazionale è un mistero del quale non conosciamo risposta.

LES REGRETS [Concorso]: Film francese di Cédric Kahn, una storia non proprio originale, ma ben realizzata, anche se la gran parte dei dialoghi puzza troppo di dejà vu. Un uomo torna nella sua città per star vicino a sua madre in fin di vita, ritrovando il grande amore del passato. La passione esplode nuovamente, clandestina, ma le loro vite ormai sembrano aver già preso strade diverse, lasciando solo lo spazio ai rimpianti. Un buon film, senza infamia e senza lode.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Festival Roma, Speciali, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a GIORNO 4 – UNA VITA DA CINEFILO (SPECIALE ROME FILM FEST)

  1. Rick84 ha detto:

    parnassus 8
    il viaggio della tartaruga 6-7
    plan b… … …
    e poi ricordiamo le botte da orbi per entrare in sala teatro studio. Senza parola. ;  )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...