CLAMOROSO AUTOGOL DEL FESTIVAL DI ROMA: RIDOTTA LA SEZIONE EXTRA

Il Festival del Cinema di Roma 2010 comincia male. Il consiglio d’amministrazione della Fondazione Cinema per Roma ha deciso di ridurre da 29 a 12 i film della sezione Extra, proprio quella stessa sezione che era riuscita a caratterizzare il festival romano per la sua originalità e la bellezza delle pellicole proposte. Eppure i riconoscimenti alla sezione curata da Mario Sesti sono stati tanti, al punto da essere ospitata anche in altre città: Extra in tutti questi anni ha rappresentato una voce fuori dal coro, una differente proposta culturale che quindi finirà per essere castrata per lasciare ancora più spazio ad una piatta cultura di massa.

E pensare che Extra è la sezione più amata del Festival di Roma, come dimostrano i tanti attestati di stima ricevuti dalla stampa nazionale, da Fulvia Caprara de La Stampa («la sezione EXTRA del Festival di Roma: quella che declina i linguaggi del cinema nelle forme più varie e inattese») a Boris Sollazzo di Liberazione («l’impressione è che Mario Sesti e la sua squadra, non rinunciando a competenza e a sfide autoriali forti, scelgano le opere per divertire e divertirsi, entrando dentro l’anima dello spettatore, del critico, dell’appassionato, non blandendoli, ma sorprendendoli»); da Valerio Cappelli de Il Corriere della Sera («il terreno sperimentale di Mario Sesti, dove c’è la differenza rispetto ad altri festival») a Valerio Caprara de Il Mattino («Anche quest’anno è doveroso riconoscere alla sezione L’ALTROCINEMA/EXTRA la strategica capacità di proporre un percorso particolarmente aggiornato, sorprendente e innovativo»), solo per citarne alcuni tra i tanti.

Come dimenticare le tante sorprese e i non pochi capolavori proposti da Sesti all’interno della sezione Extra: soltanto nella scorsa edizione abbiamo potuto apprezzare alcune perle come il geniale  “Simon Konianski”, il visionario “Bunny and the Bull”, lo stravagante “Bancs Publics”, il potente documentario “Sons of Cuba”, senza dimenticare, per quanto riguarda le edizioni precedenti, lo splendido “Man on Wire” che dalla sezione Extra è arrivato fino al premio Oscar nel 2009.

Il Festival di Roma ha messo a segno un vero e proprio autogol: la sezione più seguita dai giovani appassionati di cinema sarà drasticamente ridotta, l’originalità e l’innovazione di Extra lasciano spazio alla banalità, al già visto. Su Facebook è già nato il gruppo di discussione “non toccate EXTRA!”, che darà battaglia pur di difendere quel meraviglioso angolo di cinema che difficilmente avremo modo di vedere in altre sedi.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Festival Roma. Contrassegna il permalink.

3 risposte a CLAMOROSO AUTOGOL DEL FESTIVAL DI ROMA: RIDOTTA LA SEZIONE EXTRA

  1. Rick84 ha detto:

    da non credere.

  2. utente anonimo ha detto:

    Che te lo dico a fare.

    3T

  3. Crybboy ha detto:

    Ma porc…già molti "piccoli"  film, che magari hanno avuto successo in vari festival in giro per il mondo, qui in Italia non hanno distribuzione se poi ne riducono ulteriormente la visibilità, saremmo costretti a sorbirci soltanto i blockbuster americani…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...