CAPITOLO 105 – UNA VITA DA CINEFILO

Al cinema di oggi manca qualcosa. Purezza? Leggerezza? Idee? Sono stufo di sedermi in sala e vedere immagini che scorrono: non ci sono più storie stimolanti, sono sempre molto rare quelle emozionanti, sebbene nell’ultimo mese abbia anche visto qualche buon film. Sono preoccupato, tutti questi filmacci che girano tra i cartelloni sugli autobus e i trailer in tv finiranno col farmi disamorare del cinema. Speriamo di no.

GLI AMORI FOLLI (2009): Dimentichiamoci il nome dell’autore per un momento (cioè Resnais, quasi 90 anni per lui): quel che resta è un film spiazzante, un delirio scritto con leggerezza. Alcune frasi sono magiche, ma poi tutto scade come se non si avesse avuta idea di come farlo finire. Mi ha confuso e alla fine ho scelto di dimenticarlo, con tutto il rispetto per il maestro…

LO STRANO VIZIO DELLA SIGNORA WARDH (1971): A parte il titolo fuorviante il film di Sergio Martino è un noir colmo di scene interessanti, uno di quei bei film imperfetti che si facevano in Italia negli anni 70, sicuramente preferibili a gran parte di ciò che si gira da noi in questi anni. Edwige Fenech è probabilmente una delle donne più belle della storia del cinema, e il serial killer con il rasoio ha sempre un certo fascino (cinematograficamente parlando, è chiaro). Bel tentativo: tutta la mia stima per Sergio Martino, qualcuno che si è sempre messo in gioco provando generi differenti, talvolta riuscendo, talvolta no. Ma solo chi non calcia i rigori non li sbaglia mai…

LA FISICA DELL’ACQUA (2010): Come reagire di fronte ad un film così? Essere contenti perché in Italia si è provato a fare un film un po’ più particolare (e come ho detto poco fa, bisogna provare!), o sentirsi sconfortati perché il tentativo è andato non proprio alla grande? La verità è nel mezzo: il film non è proprio riuscito al massimo ma per fortuna che qualcuno c’ha provato. Brava Paola Cortellesi, un po’ meno Amendola. Le faremo sapere, avanti il prossimo…

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

2 risposte a CAPITOLO 105 – UNA VITA DA CINEFILO

  1. cinescopio ha detto:

    sempre interessante questa rubrica, soprattutto la parte delle retrospettive..ely

  2. Lessio ha detto:

    grazie, servo vostro 🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...