Capitolo 121

Ottobre, autunno: il periodo più bello per andare al cinema e per ascoltare gli Smiths, dopo i silenzi estivi, il mare (per chi è potuto andarci), i Beach Boys, cinema chiusi e tutto ciò che vi piace collegare ad agosto. Questa settimana ancora una bella scorpacciata di film, tanto per tenersi in allenamento in vista dell’imminente quinta edizione del Festival di Roma, dove normalmente mi vedo 3-4 film al giorno…

UNA SCONFINATA GIOVINEZZA (2010): Pupi Avati non smette di lavorare un giorno, e continua a sfornare film uno dopo l’altro, alla faccia della crisi del cinema italiano. A volte fa ottimi lavori, a volte no: stavolta è un film buono, molto buono, nonostante un finale un po’ troppo caricato è una bella opera, il tema è pesante e se avete voglia di affrontarlo il film vi piacerà. Chi cerca però un film più scanzonato come poteva essere “Gli amici del Bar Margherita” resterà deluso. Francesca Neri e Bentivoglio da applausi (soprattutto lui).

GANGS OF NEW YORK (2002): Visto al cinema la bellezza di otto anni fa, e poi mai più rivisto, fino ad ora. Beh, non è nella Top5 dei migliori film di Scorsese, ma è sicuramente un filmone. Il problema è che ad affascinare non è il protagonista (Di Caprio) ma l’eccezionale antagonista, Bill il macellaio (Daniel Day Lewis memorabile). Grande film, ma non così grande. Però grande…

BURIED (2010): L’idea di questo film mi affascinava da quando ne ho sentito parlare durante il Sundance Festival di quest’anno, e ora che l’ho visto ho trovato conferma su tutto ciò che di buono mi aspettavo. 90 minuti all’interno di una bara, e il ritmo non cala un istante. Bellissimo, sarebbe piaciuto ad Hitchcock.

GIÙ AL NORD (2008): Ho amato questo film per tanti motivi, e ancora adesso lo riguardo con affetto. Un anno fa sono stato anche io il “benvenuto dagli ch’ti” (come da titolo originale) e mi è sembrato di vivere dentro il film. L’ho rivisto di nuovo dopo tanto tempo poiché in procinto di vedermi il remake italiano “Benvenuti al sud” ed è stato un piacere. Il modo migliore per goderselo è ovviamente in francese senza sottotitoli (per chi può), perché anche i sottotitoli sono fuorvianti e si perde completamente il senso dei giochi di parole, del dialetto e tutto il resto. Ad ogni modo è sempre piacevole ritrovare il nord della Francia…

BENVENUTI AL SUD (2010): Il remake italiano di “Bienvenue chez les Ch’ti” funziona e non funziona. Bisio di certo non è divertente quanto Kad Merad, e Siani non vale Dany Boon, inoltre il contrasto “climatico” tra l’assolata Provenza e il piovoso nord era più sensato rispetto al passaggio dalla nebbia della Lombardia al sole meridionale. Ma il film tuttavia è piacevole, sicuramente ha più senso vedersi questo remake piuttosto che “Giù al Nord” doppiato in italiano (che ad esempio traduce l’appellativo “biloute” con un inascoltabile “pisciotto”). Ad ogni modo è triste vedere che l’Italia, un tempo patria della commedia, deve affidarsi ai remake per tirare fuori un film discretamente divertente…

IL SIGNORE DEGLI ANELLI (1978): Trovato in orari notturni sul digitale terrestre, mi ha subito catturato per la sua animazione particolare. I disegni sono davvero bellissimi, e parliamo di un film di fine anni 70, che vede tra gli altri un giovane Tim Burton tra i suoi animatori. Il film è appassionante, e purtroppo non è stato concluso: visti gli scarsi incassi non fu mai realizzata la seconda parte, e le tre ore di questo si concludono dopo la battaglia al fosso di Helm. Fedelissimo al libro, è un film che mi ha incantato e tenuto attaccato al televisore nonostante l’orario proibitivo… Gli appassionati lo dovrebbero recuperare.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Capitolo 121

  1. paveloescobar ha detto:

    Mi devo ascoltare gli Smiths ora?????Qual'è l'album che ti piace di più di loro?"The Queen is dead"?E di Scorsese cosa ti piace……devo vedermi Toro Scatenato…..Notte!

  2. Lessio ha detto:

    sì, probabilmente "the queen is dead" è il loro capolavoro…di scorsese amo praticamente tutto: i miei 5 film del cuore diciamo sono, in ordine sparso, "taxi driver", "quei bravi ragazzi", "the departed", "mean streets" e "toro scatenato", ma sono stupendi anche "fuori orario", "re per una notte", "l'ultima tentazione di cristo" e molti altri…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...