Recensione “Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni” (“You will meet a tall dark stranger”, 2010)

Woody Allen continua a macinare film, con risultati alterni: l’ultima volta ci aveva suggerito di goderci la nostra vita al motto di “Basta che funzioni” (tra l’altro uno dei suoi migliori film recenti). Ora il regista newyorkese lascia la sua città per tornare in quella Londra nella quale aveva girato tre film, sussurrandoci che il segreto della felicità è l’effimera illusione, l’irrazionalità. Allen non si discosta molto dal suo storico pessimismo nei confronti della vita, ma in questo caso lo fa con poche battute pungenti, e soprattutto senza grandi idee.

L’attempato Alfie lascia sua moglie Helen illudendosi che una vita da “giovane” scapolo possa evitargli di affrontare la realtà. Helen sfugge alla depressione lasciandosi illudere dalle chiacchiere di una cartomante ciarlatana. Sua figlia Sally si illude che la cotta che prova per il suo capo possa essere ricambiata, mentre il marito di lei, Roy, si illude di poter diventare uno scrittore di successo. In questo balletto di danzatori infelici, solo chi metterà da parte la razionalità riuscirà ad essere veramente felice.

Come sottolinea una battuta di Sally: «Le illusioni funzionano meglio delle medicine». Ed è su questo concetto che verte l’intero film, la ricerca di una realizzazione, sentimentale e/o professionale, che si raggiungerà solo continuando a vivere nel proprio mondo, al di fuori delle mura grigie e insicure della razionalità, della realtà. Ed è lo scontro tra queste due dimensioni, l’illusione e la realtà, a creare i momenti migliori del film, perché se è vero che Helen incontrerà «uno sconosciuto alto e moro», come le viene predetto dalla cartomante, la risposta di Roy è Woody Allen al 100%: «Incontrerai lo stesso sconosciuto alto e moro che prima o poi incontriamo tutti», la morte.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Anteprime, Cinema, Recensioni Film. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Recensione “Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni” (“You will meet a tall dark stranger”, 2010)

  1. Ale55andra ha detto:

    Non mi dire così, dai!

  2. Lessio ha detto:

    forse è perché da allen mi aspetto sempre qualcosa di geniale, ma stavolta non mi ha particolarmente colpito… è comunque sempre allen, quindi da vedere

  3. CineSerialTeam ha detto:

    Pellicola dalle buone potenzialità, ma che si perde nella ripetitività di alcune sequenze.
     

  4. Silvia ha detto:

    C’è da dire che si è nettamente rifatto con Midnight in Paris, per poi ricadere con To Rome With Love, dunque, secondo i miei calcoli, il prossimo film, “Blue Jasmine”, sarà per forza di cose carino!

  5. Lessio ha detto:

    Sono d’accordo: Midnight in Paris è un gioiello, mentre To Rome with love è stato una gran delusione. Il prossimo dovrebbe essere quello buono..!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...