Recensione “L’ultimo esorcismo” (2010)

Finalmente un film horror degno di questo nome: quando pensiamo alle migliori pellicole di genere degli ultimi quindici anni i primi titoli a venirci in mente sono “The Blair Witch Project” e “Rec”, e risalta subito un elemento in comune tra questi ed il film in questione. Si tratta di mockumentary, falsi documentari: che sia divenuto questo ormai il genere prediletto e ideale per raccontare la paura? La pensa così certamente Eli Roth, che ha inaugurato la sua casa nuova casa di produzione, la Arcade Films, proprio con questa pellicola.

Il Reverendo Cotton Marcus da sempre si arricchisce ai danni dei fanatici religiosi, praticando finti esorcismi per spillare soldi alla comunità. Da una fattoria dispersa nella campagna arriva la chiamata di un uomo convinto che sua figlia sia posseduta dal demonio: il Reverendo, oppresso dai sensi di colpa per le continue truffe, decide di girare un documentario-confessione su quello che sarà il suo ultimo esorcismo. Una volta arrivato nella fattoria degli Sweetzer, dopo l’ennesimo esorcismo-truffa, la situazione comincerà a prendere pieghe inaspettate e per Marcus e la sua piccola troupe potrebbe essere tardi per tornare indietro.

Camera a mano nel pieno rispetto della “tradizione”, totale assenza di musica ed effetti sonori e soprattutto niente effetti speciali: ed è qui che il film conquista la nostra approvazione, niente magie digitali, soltanto ciò che gli attori sono in grado di fare. Da tutti questi ingredienti, la ricetta moderna della paura: il film di Stamm tiene incollati alla poltrona, in ogni momento sembra possa esplodere la situazione, e in ogni momento c’è l’angoscia che si insinua tra le poltroncine del cinema. Un altro grande horror girato con pochi mezzi e buone idee: la semplicità è decisamente il segreto della paura.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Anteprime, Cinema, Recensioni Film. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Recensione “L’ultimo esorcismo” (2010)

  1. utente anonimo ha detto:

    Finalmente vedo altri che, come me, hanno apprezzato questo film.

    LA MIA RECENSIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...