CAPITOLO 137 – UNA VITA DA CINEFILO

Ho ripreso un’abitudine che un po’ mi mancava: andare al cinema con una certa regolarità. Tre volte la settimana scorsa, un altro paio di volte in questi ultimi sette giorni. Se ho ben capito dal primo luglio una tassa sul cinema costringerà gli spettatori a pagare un euro in più per ogni biglietto: ma che bella pensata! Alzare i prezzi è un’idea meravigliosa per uscire dalla crisi, finalmente andrà sempre meno gente al cinema, e in sala staremo tutti un po’ più larghi (ma già ci stiamo adesso, almeno ai film che guardo io). Un decreto vergognoso, l’ennesima beffa alla cultura. Se pensate che in Francia o in Irlanda alcuni cinema offrono abbonamenti mensili di 20 euro… Siamo davvero su un altro, merdoso, pianeta.

GLI UCCELLI, L’UOMO CHE SAPEVA TROPPO, PSYCO, NODO ALLA GOLA: La settimana scorsa, dopo aver scritto questa rubrica che tanto amate, ho acceso la tv su Iris trovandomi di fronte ad una maratona filmica su Hitchcock. E così ho visto l’ultima mezzora de “Gli Uccelli” (splendido), una buona oretta de “L’uomo che sapeva troppo” (non lo ricordavo così bello), quasi tutto “Psyco” (eterno), e tutto “Nodo alla gola” (perfetto nell’esecuzione, interamente in piano sequenza, ma è tra i film di Sir Alfred che amo meno). Una full immersion nel genio di Hitchcock, un’idea davvero apprezzabile (hanno trasmesso anche “La donna che visse due volte” e “La finestra sul cortile”, ma ero a lavoro e dovrò accontentarmi di rivederli in dvd).

GIANNI E LE DONNE (2011): “Pranzo di Ferragosto”, il film d’esordio di Gianni Di Gregorio, è uno di quei film che a causa di migliaia di coincidenze non sono mai riuscito a vedere. Spinto però dai commenti esaltanti a proposito del regista non mi sono perso il suo secondo film, e mi sono proprio divertito. Vita quotidiana (trasteverina) con un tocco di assurdo, un eccellente personaggio in stile “vorrei ma non posso”, circondato da comprimari perfetti. Un finale onirico e splendido, sulle note dei Pixies (“Here comes your man”). Bello proprio. La commedia italiana è viva.

UN GELIDO INVERNO (2010): Il classico film che arriva in sala spinto da recensioni esaltanti e tanti successi (dal Sundance al festival di Torino): andiamolo a vedere, mi sono detto. Non amo molto storie di piccole comunità americane, magari ipocrite e malvagie, e all’inizio ero un po’ annoiato. Poi però le vicende prendono una piega interessante, e soprattutto il ritratto di questa vita tra i monti, tra persone scomparse, domande da non porre e musica country, non so come dire, ma ha il suo fascino. Sicuramente un gran bel film, cupo, potente, ma non nelle mie corde, non stavolta almeno. Ma più ci penso e più m'è piaciuto.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

9 risposte a CAPITOLO 137 – UNA VITA DA CINEFILO

  1. utente anonimo ha detto:

    Un gelido inverno è stato uno dei film più belli visti ultimamente, crudo, spietato ma al tempo stesso vitale. Come un cazzotto nello stomaco!

  2. Lessio ha detto:

    infatti. come ho scritto, più ci penso e più m'è piaciuto

  3. Ale55andra ha detto:

    Nodo alla gola è invece uno dei miei preferiti in assoluto di Hitchcock!!

  4. Lessio ha detto:

    Ma dai? Io lo trovo un po' un esercizio di stile: tecnicamente splendido, ma un po' debole nel racconto, a differenza degli altri film citati, eccezionali sia stilisticamente che nella vicenda. Anche se devo riconoscere che in "Nodo alla gola" c'è una suspense incredibile intorno alla cassa.

  5. Ale55andra ha detto:

    A me è piaciuto moltissimo non solo per l'abilità tecnica con il quale è girato e montato, ma anche per la tensione che si respira durante tutta la durata del film e per la straordinaria capacità di tenere il tutto in piedi con un'unità di luogo e di tempo davvero unica. Poi i personaggi, l'ironia e il "messaggio" di fondo sono davvero straordinari. I miei preferiti di Hitchcock in assoluto, comunque, sono: Vertigo-La donna che visse due volte, Notorious-L'amante perduta, Nodo alla gola, Intrigo internazionale, La finestra sul cortile e Psycho.

  6. Lessio ha detto:

    i miei 4 del cuore sono Vertigo, La finestra sul cortile, Psyco e Intrigo Internazionale. Ma alla fine ce ne sono troppi indimenticabili, da Notorius a Il sospetto, da Delitto Perfetto a L'uomo che sapeva troppo, da Gli uccelli a Il sipario strappato e quanti altri…

  7. egle1967 ha detto:

    Io adoro "Il sospetto", anche se tecnicamente riconosco che ce ne sono di più riusciti,Hitchcock trasforma il libro, da cui è tratto, in un thriller psicologico approfondito e gestito nel suo svolgersi. L'eterna diatriba tra cuore e ragione.Non lìavrei fatto interpretare da Cary Grant, che a fatica riesce a convincerci , nella parte del cinico assassino.

  8. Lessio ha detto:

    vero, però il film è davvero un gioiello, sono d'accordo

  9. AlDirektor ha detto:

    "Un gelido inverno".
    Non è che mi diverto a distorcere il parere comune, ma non capisco tutto l'entusiasmo che un film del genere ha suscitato.
    Allora, la storia è banale e conosciuta.
    Lo stile è scopiazzato quà e là tra Dogma, Dardenne e cinema indipendente. la fotografia è impostatissima e non ha nulla di spettacolarmente descrittivo.
    Qualcuno mi spiega cos'ha realmente di buono questo film?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...