Capitolo 146

Tre film questa settimana, l’ultima di maggio: il tempo va, e il cinema continua ad essere qualcosa di totalmente necessario, nonostante un documentario sulla street art mi abbia indotto a cambiare genere e a buttarmi sull’arte di strada, con risultati che sarebbero piuttosto imbarazzanti. Nel frattempo, prima di cominciare il 534° progetto non finito, continuerò a tediarvi con la vita da cinefilo, una delle mie poche costanti, una rubrica che viaggia verso la fine della sua terza stagione. L’estate non è molto lontana.

TUTTI PER UNO (2011): Film francese che onestamente non morivo dalla voglia di vedere , ma che invece si è rivelato davvero molto bello. Un gruppo di bambini mettono su una baby-revolution per impedire che il governo Sarkozy metta le mani su una piccola e adorabile clandestina di origine cecena. “Gli anni in tasca” in versione “sans-papiers”. A Truffaut sarebbe piaciuto.

EXIT THROUGH THE GIFT SHOP (2010): Una delle cose più interessanti che ho visto negli ultimi mesi. Banksy lo ha definito “un film su colui che ha provato a fare un film su di me”, ed il risultato è spettacolare. Un viaggio dentro la street art, un vero e proprio making of di invasione urbana, che mi ha trasmesso una voglia pazzesca di buttarmi per strada con le bombolette e gli stencil. Da vedere.

ET IN TERRA PAX (2010): Finora il miglior film italiano della stagione, che piacere! “L’odio” di Kassovitz in versione romana, con lontani echi di “Accattone” di Pasolini. Un film splendido, un’opera prima potente e ben realizzata (anche se a dire la verità tutti quei cambi di fuoco sui personaggi alla lunga erano un po’ fastidiosi, ma non importa), in una Roma che non si vede ma c’è, eccome se c’è. Uno di quei film di cui la nostra cinematografia deve andare fiera, e quindi andate al cinema a sostenerlo, perché la sua distribuzione nelle prossime settimane dipende solo da voi. Il problema non è la caduta, ma l’atterraggio…

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...