Festival di Roma 2011 (Giorno 5): Il 3D secondo Scorsese e Wenders

E anche quest’anno si “festeggia” Halloween al Festival di Roma: il 31 ottobre, dopo la presentazione del film su Dylan Dog del 2010, si tinge ancora di horror con la lezione di cinema di James Wan (creatore della saga di “Saw”) e la proiezione del suo ultimo film “Insidious”. Ma a rendere magica la giornata ci ha pensato Martin Scorsese, quest’anno però non presente al Festival (sarebbe stata la terza volta in sei edizioni!): nel pomeriggio la sala Santa Cecilia è stata testimone di una memorabile anteprima di 20 minuti dell’ultimo film del regista newyorkese, ma soprattutto del suo primo lavoro in 3D, “Hugo Cabret”. Il film è ambientato nella Parigi degli anni 30, e ruota intorno ad un orfanello che vive nella stazione, sorpreso un giorno a rubare nel negozio di giocattoli di un certo George Melies, il creatore di “Voyage dans la lune”. E la copia restaurata del capolavoro di Melies è stata proiettata subito dopo l’anteprima di Scorsese, per coronare un meraviglioso pomeriggio che in due ore è riuscito a restituire al pubblico la magia del cinema riassunta in due estremi lontani oltre un secolo.

A proposito di 3D: in serata Wim Wenders ha incontrato il pubblico per fare una chiacchierata a proposito del futuro del cinema in 3D, preceduto dalla proiezione della sua ultima fatica, “Pina 3D”, incantevole documentario d’autore su Pina Bausch, già presentato a Berlino lo scorso febbraio (nelle sale italiane da novembre). Altro evento della giornata è stata la proiezione speciale del documentario “11 metri” dedicato ad Agostino Di Bartolomei, indimenticabile capitano della Roma del secondo scudetto, morto suicida nel 1994, a dieci anni esatti dalla dolorosa sconfitta in finale di Coppa dei Campioni contro il Liverpool. Il film di Francesco Del Grosso racconta la figura di Ago attraverso interviste ed immagini d’archivio, restituendo l’immagine di un uomo di sport amato e stimato da tutti, che nessuno ha mai dimenticato. Presenti in sala Carlo Verdone ed una folta rappresentanza della Roma: Baldini, Sabatini, i giovani Caprari e Viviani, il nuovo idolo Erik Lamela e il veterano Simone Perrotta, oltre alle vecchie glorie (e compagni di squadra di Di Bartolomei) Roberto “Bomber” Pruzzo, Dodo Chierico e Ubaldo Righetti.

Film in concorso di oggi: “Magic Valley”, film indipendente americano diretto da Jaffe Zinn, e “Babycall”, un thriller nordico (coproduzione tra Germania, Norvegia e Svezia) con Noomi Rapace, protagonista femminile del fortunato “Uomini che odiano le donne”. Domani altra giornata ricca di proiezioni, con ben tre film in concorso. Le giornate cominciano a farsi stancanti, ma l’entusiasmo è ancora alle stelle.

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Festival Roma. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...