Capitolo 177

Giugno. Invece di andare al mare sono qui a vedere film per me, per noi, e anche un po’ per voi. Sono cominciati gli europei di calcio, ma ci interessano davvero ben poco, visto che non c’è neanche una maglia giallorossa in campo; piuttosto è cominciato Cannes a Roma, quindi nel prossimo capitolo vedrete qualche chicca proveniente dal festival del mese scorso (aspetto di vedere il film di Wes Anderson quasi con la stessa intensità con cui aspetto di vedere la Roma di Zeman).

The game of their lives (2005): Beccato sul digitale terrestre in orari notturni, è la storia della nazionale statunitense di calcio, invitata a partecipare al Mundial in Brasile del 1950. Dati per spacciati da tutti, riescono a vincere contro la blasonata Inghilterra, la patria del calcio. Con Gerald Butler. Carino, ma un po’ sciatto, sembra un film per la tv.

La guerra è dichiarata (2011): Il film del mese probabilmente. La vera storia della regista Valerie Donzelli, anche sceneggiatrice e interprete insieme al suo compagno, che ha portato sullo schermo l’avventura della sua vita: la lotta contro un tumore al cervello del loro bambino appena nato. La bellezza del film è nella leggerezza, nella grande forza sprigionata dai suoi protagonisti, nella voglia di vivere, nei brividi che scorrono lungo la schiena. Meraviglioso.

Frequency (2000): Sono passati più di dieci anni da quando lo vidi al cinema in un freddo pomeriggio di novembre. L’ho ritrovato in tv dopo tanto tempo e ricordavo di averlo amato. Tanti anni e un milione di film dopo ha perso sicuramente qualcosa in quanto a qualità, ma resta un buon thriller, appassionante, piacevole. Con Dennis Quaid e Jim Caviezel.

Detachment (2011): Un film cupo, soffocante, bello e deprimente. Adrien Brody è un supplente mandato in una scuola di periferia, con i peggiori soggetti del quartiere. Cercherà di salvare le anime dei suoi studenti e soprattutto di una giovane prostituta, visto che la sua ormai se l’è bella che giocata. Bravissimo Adrien Brody, interessante regia dal punto di vista stilistico. Dal 22 giugno al cinema.

Cosmopolis (2012): Anche per Cronenberg passano gli anni. Una storia molto bella, una splendida idea lasciata affogare dentro una regia confusa, appesantita da un fiume di dialoghi e dall’orrido Robert Pattinson. New York è buia, caotica, infiammata, ed è soprattutto nelle scene in esterno che il film prende forza (ma gran parte della pellicola è girata in una limousine). Per fortuna c’è Paul Giamatti, da sempre l’attore più sottovalutato di Hollywood (oltre ad un gustoso cameo del sempre ottimo Mathieu Amalric). C’è Pollock sui titoli di testa e Rothko su quelli di coda: tutto quel che c’è in mezzo poteva esser fatto meglio.

Un amore di gioventù (2011): Mia Hansen-Love è una delle più promettenti registe francesi. Ha trent’anni ed è al suo terzo, bellissimo, film. Stavolta mette insieme l’amore e l’adolescenza, due parole che hanno sempre avuto un rapporto delicato tra di esse: in Italia di queste cose si occupa Moccia, in Francia la Hansen-Love, e questo è indicativo di quanto stiamo indietro a livello cinematografico. Perché noi non siamo in grado di girare un film così profondo, onesto, sincero, in grado di raccontare una storia d’amore con semplicità, tenerezza, senza un’ombra di superficialità? Applausi per la protagonista Lola Créton: 19 anni, il futuro è suo.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...