Greta Gerwig, la musa del cinema indipendente americano

In attesa di vedere nelle sale italiane il gioiello di Noah Baumbach, “Frances Ha”, andiamo a conoscere meglio la sua protagonista, Greta Gerwig, divenuta negli anni una delle principali interpreti del cinema indipendente americano, in particolare del movimento Mumblecore. Trentenne, di origine tedesca, la bionda Greta si è imposta lentamente come una delle attrici più interessanti del panorama internazione, attirando su di sé l’attenzione di Woody Allen, che l’ha voluta nell’episodio “trasteverino” di “To Rome With Love”, al fianco di Ellen Page e Jesse Eisenberg. Il suo esordio risale però al 2006 con “Lol” di Joe Swanberg, uno dei titoli più celebri quando si parla di Mumblecore. L’anno seguente è ancora diretta da Swanberg nel meno interessante “Hannah takes the stairs”, al quale seguirà una nuova collaborazione (in questo caso anche come co-regista) con lo stesso Swanberg, dove si dirige e interpreta in “Nights and Weekends” (2008). Prima di questo viene assoldata da due mostri sacri del movimento indipendente statunitense, Mark e Jay Duplass, che la dirigono nel divertentissimo “Baghead” (che forse qualcuno ricorderà nella sezione Extra del Festival di Roma del 2008), in questi giorni in programmazione su Mubi. Dopo due film sotto la direzione di Rod Webber (“I thought you finally completely lost it”, del 2008, e “Northern comfort”, del 2010) e altre pellicole di minore importanza, ma sempre appartenenti al circuito indipendente, Greta Gerwig si fa notare al Festival di Berlino affiancando Ben Stiller nella commedia agrodolce “Greenberg” (2010), di Noah Baumbach (altro mostro sacro del cinema indie). Da qui comincia una seconda fase per la sua carriera, tra Festival e i primi lampi di successo. Greta Gerwig si affaccia nel cinema mainstream, la gente comincia a fermarla per strada, il pubblico la riconosce e pensa “ma lei l’ho già vista in un altro film!”: “Damsels in distress” (2011) viene presentato a Venezia e a Toronto, nello stesso anno Ivan Reitman la vuole nella commedia “Amici, amanti e…”. Il 2012, come già detto, è l’anno della collaborazione con Woody Allen, ma la consacrazione arriva con il ritorno al cinema indipendente: lo splendido “Frances Ha”, sempre di Baumbach, scritto dalla Gerwig insieme al regista, ottiene applausi e riconoscimenti in tutto il mondo (da New York a Los Angeles, da Toronto a Edinburgo, fino a Torino) e Greta Gerwig ottiene la sua prima nomination ai Golden Globes.

Quest’anno è tornata a Berlino nelle vesti di membro della giuria, nello stesso periodo in cui è stato annunciato che l’attrice sarà protagonista, produttrice e sceneggiatrice della sitcom “How I met your dad”, spin-off della serie di successo “How I met your mother”. Per quanto riguarda il cinema la vedremo ancora lavorare con Baumbach, oltre ad altri due interessanti progetti sotto la direzione di registi del calibro di Barry Levinson (“The Humbling”, con Al Pacino) e la promettente Mia Hansen-Love (“Eden”). La nostra speranza, al momento, è che il pubblico italiano la possa scoprire e amare in “Frances Ha”, che sarà distribuito (?) dalla Whale Pictures in una data al momento avvolta nel più completo mistero.

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Speciali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...