Recensione “We are young. We are strong” (“Wir sind jung. Wir sind stark”, 2014)

Si apre la nona edizione del Festival di Roma: tra le solite commedie italiane e una bizzarra conferenza stampa con Tomas Milian, il momento più alto della giornata è stato senza dubbio questo film tedesco, opera seconda di Burhan Qurbani.

Antonio Gramsci diceva: “Il vecchio mondo muore e il nuovo non può ancora nascere: oggi è il tempo dei mostri”. In questa frase si può racchiudere il senso del film del regista tedesco di origini afgane, ambientato in quella Germania che nel 1992 era ancora un Paese giovane, incontrollabile, unito da soli tre anni e ancora lontano dal benessere economico di cui gode attualmente. “We are young, we are strong” racconta la celebre “notte del fuoco” avvenuta nella città di Rostock nell’estate del 1992. In quel drammatico 24 agosto un assembramento di tremila persone tra rivoltosi, manifestanti e neonazisti ha circondato la cosidetta Casa dei Girasoli, un centro d’accoglienza per 150 rifugiati vietnamiti, mettendolo a ferro e a fuoco fino alle luci dell’alba. Il film racconta questa giornata dal punto di vista di tre protagonisti: la vietnamita Lien, che lavora e soggiorna legalmente in Germania ma che dovrà lottare fino al mattino per la sua sopravvivenza, il giovane Stefan, lentamente trascinato dal branco in una notte di eccessi e di follia, il padre di Stefan, un uomo politico intrappolato dal dilemma: far finta di niente sulla rivolta e mantenere in questo modo salda la propria posizione oppure lasciarsi coinvolgere dai suoi ideali e cercare di impedire il peggio?

Il meraviglioso bianco e nero della fotografia, lo stile impeccabile della regia (numerosi e notevoli i piani-sequenza) e l’astio di cui si nutrono molti dei personaggi della pellicola fanno pensare subito ad una sorta di versione tedesca de “L’odio” di Kassovitz, ma nel film di Qurbani risulta più drammatico non solo perché racconta eventi realmente accaduti, ma soprattutto perché ci lascia sui titoli di coda con un finale molto pessimista. Gli anni passeranno, ma la strada verso la civiltà e la tolleranza sarà ancora lunga…

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Festival Roma, Recensioni Film e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...